La Fisica del calore – Pagina 176 – Soluzione 16

DOMANDA (studente) – Mi è sorto un dubbio sulla seconda trasformazione dell’ esercizio dove si afferma che essendo una compressione isobara reversibile lascia invariata l’entropia dell’universo… Ma l’unica trasformazione isoentropica non è l’espansione adiabatica reversibile? Non dovrebbe subire una diminuzione di entropia (essendo volume finale più piccolo di quello iniziale) pari a S2 – S1= nCp ln(V2/V1)?

RISPOSTA – La variazione di entropia di un determinato sistema dipende solo dallo stato iniziale e da quello finale, non dal tipo di trasformazione tra i due stati. Ci sono infinite diverse trasformazioni che possono portare il sistema da un certo stato iniziale a uno stato finale di uguale entropia (non solo l’adiabatica reversibile).
Se invece parliamo non di un singolo sistema ma di tutti  sistemi coinvolti nella trasformazione, allora una qualsiasi trasformazione reversibile lascia invariata l’entropia complessiva (la variazione di entropia del sistema è uguale e contraria a quella dell’ambiente).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...